Monella Spina, matura esibizionista, praticamente troia

Webcam porno - Il povero Michele Spina (marito di Monella Chat 1, ossia Monella Spina, la troia esibizionista che stava sempre in camxcam a tentare di riscattare l’animo di qualche schiavo e a cercare di sollevarlo dalla miseria della propria condizione) sapeva tutte queste cose, mentre magheggiava sui numeri per far quadrare sempre i bilanci. La rapina delle banche internazionali, del fondo monetario, dei capi di stato che si sono avvicendati, dei detentori di ricchezza smisurata, ai danni di schiavi impossibilitati a difendersi è uno schema talmente riproposto e consolidato che pare non se ne trovi un altro. Lo stesso avvocato Michele Spina (marito cornuto di Monella Spina, la monella di monella chat sempre in camxcam in erotic chat) ……non ne avrebbe potuto suggerire uno diverso. In cuor suo soffriva per ciò che faceva ma non riusciva a rinunciare alla sua condizione di schiavo. Libertà significa qualcosa che non si conosce bene; implica la visione di un sistema di vita incerto, sconosciuto; ciò che è sconosciuto fa paura; la libertà fa paura. Il povero Spina, pur soffrendo nella sua condizione di schiavo, non era necessitato a trovare risposte per conto suo al problema dell’esistenza umana. E poi, uno che ha sempre lavorato per enti governativi, riciclando denaro frutto di scambio di enormi quantità di droghe illegali importate negli Stati Uniti da enti governativi, uno che partecipa al rigonfiamento del bilancio dello stato effettuato con denaro contante della stessa provenienza, volendo cambiare lavoro, cosa si mette a fare? Web cam erotica camxcam, la soluzione per chi non vuole essere schiavo. Il primo passo per tentare di liberarsi dalla schiavitù consiste nella ricerca della verità. Sono le parole del Cristo a specificarlo: “…e la verità vi farà liberi”. Per avvicinarsi alla verità non è necessario essere geni o disporre di chissà quale bagaglio culturale o di chissà quale misteriosa intelligenza. La verità è sempre sotto il nostro naso, come l’odore di pesce fradicio che portano nella figa certe vecchie bagasce giubilate che non sanno, nonostante la loro età e la loro esperienza, distinguere l’odore di chi non si lava dall’odore tipico della vaginite galoppante. La verità è ovvia e facile da cogliere. Bisogna però evitare la droga che annebbia la vista; evitare la televisione, spegnerla, buttarla nel cassonetto, assieme ai pc che montano Windowz. Collegarsi sulla rete web per vedere le ragazze in vendita che fanno le troie esibizioniste in web cam erotica, camxcam e sex chat è la prima soluzione per incominciare a conoscere la rete. Collegarsi usando un computer vero, rinunciare subito al gioco dei ladri incompetenti delle mega-ditte (vedi Micro5oft) che impongono le leggi di mercato vendendo prodotti che non funzionano mai e che costringendo i loro clienti alla schiavitù di perpetui e inutili aggiornamenti. Web cam erotica e camxcam, tecnologie avanzate ma accessibili, sviluppate ma semplici. Web cam erotica per sfuggire alla truffa di Micro5oft e dei suoi aguzzini; web cam erotica e camxcam per cancellare un secolo di vergogna e di menzogne. Il povero Avvocato Michele Spina, essendo uno schiavo consapevole era rassegnato e non si decideva mai a tentare di evadere dal manicomio di Wall Street per trovare una sua strada con le web cam erotiche e la camxcam. Per fortuna, allo schiavo non puoi impedire di essere cornuto. E così intervenne che, per lo meno, sua moglie era dedita quasi tutto il giorno e quasi tutti i giorni al web cam erotico e alla camxcam erotic chat e web adult chat. La notte no, la notte voleva fare sul serio e farsi riempire in ogni buco dai cazzi di quei bravi clienti che aveva agganciato in web erotica camxcam e che avevano anche pagato qualche cosina per contribuire al suo sostentamento di troia esibizionista. Quegli italiani troppo tirchi, quelli che andavano in ferie in Tailandia, per fare un esempio, quei fiorentini bifolchi ignoranti che volevano scopare senza spendere, privi di stile e di buone maniere, quelli non li filava proprio. Il comportamento di un ignorante bifolco lo si può vedere anche da come interagisce con la web cam erotica e la camxcam; Monella Spina in Chat, la moglie dell’avvocato Michele Spina, era troppo esperta oramai per non sapere queste cose. (Monella Spina in web cam erotica, camxcam).

About Novella & Margherita

Margherita Fontana, detta la puttana, e Burioli Novella, succhia col culo la cappella, sono due giornaliste professioniste che scrivono sul Corriere della sega e su la Re-gione-Pubica, firmando gli articoli congiuntamente, come quando firmano gli assegni, con firma congiunta a quella dell'ufficiale giudiziario che ha sequestrato, inaudita altera parte, il loro conto corrente bancario congiunto. Entrambe laureate giovanissime in Scienze delle politiche monetarie austere e depressive, presso il centro VVIS (Vergini Villane Illibate ma Sodomizzate) del LUISS (Le Ultime Illibate Scioperate & Sfaccendate), si sono subito iscritte al concorso specialistico titolato "giornalisti per hobby o per mestiere?" bandito dal Corriere delle seghe del comune di Mancalacqua, in provincia di Reggimi-che-Scoreggio. Valutate entrambe - con il massimo dei voti - "idonee ma non vincitrici del concorso", decisero di ricorrere alle loro conoscenze universitarie per vedere di rimediare qualche raccomandazione; e l'occasione fu loro amica, perché, durante uno dei tanti seminari inutili ai quali partecipavano, non avendo nulla da fare, alla Bocchini-Bocconi, era intervenuto un tale professore associato (cioè precario) che aveva presentato una serie di copertine del "New York Times" - tutte quelle degli ultimi 4 anni - ne aveva copiato i titoli, li aveva messi insieme in sequenza cronologica e aveva tenuto una lezione unicamente prendendo come fonti didattiche i titoli del rotocalco più pazzo del mondo. I titoli vertevano tutti sul successo economico cinese che, secondo quel tale professore associato (che si chiamava Giuseppe Sederini, fratello di quel tale giornalista - Beppe Sederini - che scrive trafiletti e vignette comiche in ultima pagina del Corriere della sega nella rubrica "Vi insegno io a tradurre dal cinese") non era da considerare, come mercato, che, in proporzione, fosse il doppio del mercato italiano. Infatti, secondo lui, siccome i ricchi in Cina comunista erano solo il 5% della popolazione cinese, allora i consumatori con reale potere d'acquisto, sempre secondo lui, dovevano essere circa 120 mila; il doppio dell'Italia, e non di più. Presero spunto da questa chicca d'ignoranza lapalissiana, le due giornaliste Novella la monella e Margherita Fontana detta la puttana, per scrivere al New York Time e chiedere un posto di lavoro in cambio di anche 500 euro, però mensili, in due, come inviate "estere" in Italia. Tanto, per quanto potessero essere ignoranti, non avrebbero mai eguagliato l'ignoranza fatale dei fratelli Sederini e neppure di quel povero professore, associato con la Bocchini-Bocconi, di cui non si ricorda più il nome. Il posto fu dato loro all'istante e tutti gli articoli scritti sul New York Times di questi ultimi anni a proposito dell'Italia, soprattutto quelli che ricalcavano le avventure amorose del cavaliere e le facevano girare per il mondo come se veramente fossero notizie di rilevanza internazionale, erano tutte firmate dalle due giornaliste scioperate, con il doppio pseudonimo di: Novella la monella e Margherita ci mette due dita. Per approfondimenti su questo articolo, scrivi: webcamgirl456@gmail.com
This entry was posted in webcam porno and tagged , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.